Carrello

Il carrello è vuoto.
LANTERNE VOLANTI  SKY LANTERN  COLORATE MISTE
Codice prodotto:
0180A
Shipping fee: 
600
Taglia: 

Le Fiaccole Cinesi sono lanterne che sfruttano il calore della candela interna per volare libere nel cielo, proprio come vere mongolfiere!
Le lanterne sono uniche, si alzano oltre i 300 metri e viaggiano per kilometri. Il risultato è uno spettacolo magico e mozzafiato come non avete mai visto!

Impiegano circa 30 secondi per riempirsi di aria calda e appena pronte per essere rilasciate nel cielo, creano un effetto visivo sbalorditivo e impressionante!

La tradizione delle Lanterne Cinesi risale a circa duemila anni fa in Cina dove questa tradizione ha origine
All'inizio le Fiaccole Cinesi, venivano usate dagli eserciti come metodo di segnalazione... la luce della lanterna e' visibile per kilometri...
Nei secoli il rilascio delle Fiaccole Lanterne Cinesi è diventato un modo per celebrare festival, cerimonie e per esprimere desideri...
Le nostre lanterne cinesi sono 100% biodegradabili per il rispetto all'ambiente.
Istruzioni in italiano.

Le Fiaccole Cinesi sono lanterne che sfruttano il calore della candela interna per volare libere nel cielo, proprio come vere mongolfiere!
Le lanterne sono uniche, si alzano oltre i 300 metri e viaggiano per kilometri. Il risultato è uno spettacolo magico e mozzafiato come non avete mai visto!

Impiegano circa 30 secondi per riempirsi di aria calda e appena pronte per essere rilasciate nel cielo, creano un effetto visivo sbalorditivo e impressionante!

La tradizione delle Lanterne Cinesi risale a circa duemila anni fa in Cina dove questa tradizione ha origine
All'inizio le Fiaccole Cinesi venivano usate dagli eserciti come metodo di segnalazione: la loro luce è infatti visibile per kilometri.
Nei secoli il rilascio delle Fiaccole Lanterne Cinesi è diventato un modo per celebrare festival, cerimonie e per esprimere desideri...
Le nostre lanterne cinesi sono 100% biodegradabili per il rispetto all'ambiente.
Istruzioni in italiano.

Log in or register to post review